Rennes, verde e felice

Ispirazioni

© Franck Hamon
© © Franck Hamon

Tempo di lettura: 0 minPubblicato il 22 giugno 2021

Capitale e porta della Bretagna, è stata eletta via via 1° città felice di Francia, la città ideale per fare festa, il top in fatto di verde e qualità della vita. Qual è il suo segreto?

Rennes è una città a misura d'uomo dove è piacevole passeggiare, a piedi o in bicicletta. Comoda da raggiungere (1h in treno da Parigi), in posizione eccellente rispetto alla costa (in 1h si va a Mont Saint Michel e a Saint-Malo). È una città verde: 868 ettari green, dal parco Les Tanneurs, al parco Oberthür, al Parc du Thabor in pieno centro, a Les Gayeulles, enorme area boschiva. E nella foresta di Rennes, quasi 3.000 ettari, oltre 80 km di sentieri accessibili anche in mountain bike.

Città studentesca, è una delle più festaiole e animate, e la rue Saint-Michel, ribattezzata rue de la Soif, via della sete, vanta una delle più alte concentrazioni di bar d’ Europa. Il grandioso Marché des Lices dei produttori è un must per la gastronomia e offre tanti eventi: ogni prima domenica del mese “Marché à manger”, food market molto frequentato, e ogni anno in aprile l’originale festival del gusto “Les Bouffes rennaises”. Ricca di tesori, Rennes vanta la più gran concentrazione di case a graticcio dell’Ovest di Francia (286!), ed edifici famosi, il Parlamento di Bretagna del ‘600, l’Hôtel de Ville del ‘700, la cattedrale di Saint-Pierre. Tutta da scoprire la città contemporanea, con il centro culturale Les Champs Libres dell’archistar Christian de Portzamparc, il centro Rennes Métropole, con il Musée de Bretagne , l’Espace des sciences e il Planétarium, l’Écomusée du Pays de Rennes, il Museo di Belle Arti e il Frac Bretagne, in un sorprendente edificio firmato Odile Decq, vicino al monumentale “L’Alignement du XXI siècle” di Aurélie Nemours. E ancora l’esplanade Charles-de-Gaulle di Christian de Portzamparc, il Cap Mail di Jean Nouvel, la stazione del metro Poterie di Norman Foster. Una città in continua evoluzione. Nell’Hôtel-Dieu, l’ex ospedale, gli spazi che ospitavano la maternità oggi sono diventati il cuore di un progetto insolito fra cultura, sport e gastronomia, con The Roof Rennes e il Bistrot Origines. E il Convento dei Giacobini si è trasformato in museo e fino al 29 agosto ospita la grandiosa Collezione Pinault di arte contemporanea: imperdibile!

Per saperne di più : [www.destinationrennes.com](https://www.destinationrennes.com "Sitio "destinationrennes"")

Per France.fr