In sella alla ViaRhôna attraverso Isère, Drôme e Ardèche!

Ispirazioni

LioneCicloturismoNatura e Attività Outdoor

Caroline Revol-Maurel
© Caroline Revol-Maurel

Tempo di lettura: 0 minPubblicato il 13 giugno 2024

Benvenuti in uno dei grandi itinerari ciclabili d'Europa: la ViaRhôna collega il Lago di Ginevra al Mediterraneo, con 815 km di piste ciclabili (corsie verdi o corsie condivise) lungo il Rodano. France.fr ti porta alla scoperta di uno dei suoi tratti, che attraversa Isère, Drôme e Ardèche. In sella!

Vie verdi e sentieri condivisi sulla ViaRhôna

I ciclisti esperti la conoscono bene: la ViaRhôna è uno dei principali itinerari ciclabili francesi e uno degli itinerari ciclabili europei (identificato come itinerario numero 17). Attraversa tre regioni, dodici dipartimenti, tre parchi naturali regionali e tre città patrimonio dell'Unesco! Un vero concentrato di Francia, da scoprire in sella a una bici da corsa o anche a una bici elettrica, rassicurante per i principianti, anche se le pendenze non superano mai il 3%.

La nostra avventura inizia a Vienne, nell'Isère, una trentina di chilometri a sud di Lione, nel cuore dei vigneti della Côtes du Rhône. Poiché il tratto della ViaRhôna che collega Lione a Vienne non è ancora stato tracciato, è qui che la maggior parte dei ciclisti inizia il proprio viaggio verso il sud della Francia, a pochi minuti di treno da Lione.

Vienne, l'antica bellezza

JackF / Adobe Stock
© JackF / Adobe Stock

Situata sulle rive del Rodano, la città dell'Isère di Vienne vanta un patrimonio ricco di 2.500 anni di storia. Già nell'antichità, Vienna era uno dei grandi porti commerciali della Valle del Rodano. Di questo periodo sontuoso, Vienna ha conservato alcuni veri e propri tesori architettonici. Salite alcune rampe di scale per scoprire il suo famoso teatro antico da 8.000 posti, che ospita l'annuale festival Jazz a Vienne. Dal palco ci si sente minuscoli: le gradinate sono alte 34 metri! Ma Vienne è una macchina del tempo: passeggiando per le sue strade acciottolate si viaggia indietro nei secoli. In una piazza si trova il Tempio di Augusto e Livia (costruito nel 20 a.C.); poco più avanti, la maestosa cattedrale di Saint-Maurice del XII secolo; là, un antico chiostro benedettino... E, sull'altra sponda del Rodano, il sito gallo-romano di Saint-Romain-en-Gal. La visita non sarebbe completa senza aver dedicato del tempo alla scoperta dei vini delle tenute circostanti: Condrieu, Côte Rotie o Château-Grillet, tutti grandi nomi! Non resta che attraversare il Rodano e salire in bicicletta sulla ViaRhôna.

Visita Vienne

Nei vigneti di Tain-l'Hermitage

Richard Semik / Adobe Stock
© Richard Semik / Adobe Stock

È il momento di salire in sella e scoprire i piaceri del cicloturismo. Ci avviamo lungo la pista sicura nell'aria fresca del mattino, con il sole negli occhi. Intorno a noi campi di grano, mais e soprattutto frutteti. A ogni bivio, i cartelli della ViaRhôna ci indicano la strada e ci dicono quanti chilometri mancano. Quando i nostri polpacci si sono riscaldati un po', abbiamo raggiunto la nostra seconda tappa: da una parte del Rodano, la città di Tournon; dall'altra, Tain-L'Hermitage. Qui scopriamo la grande cantina di Tain, che produce non meno di 5 milioni di bottiglie all'anno. Dopo una breve deviazione alla Cité du Chocolat, uno straordinario museo inventato dal cioccolatiere Valrhona, la giornata si conclude con il momento clou: una salita sulla collina dell'Hermitage per ammirare il panorama dei vigneti circostanti. Circondati da viti su steli, si può contemplare il Rodano che si snoda sotto di noi, qui più maestoso che mai.

Visita Tain-l'Hermitage

Nel cuore della natura lungo il Rodano

Caroline REVOL-MAUREL
© Caroline REVOL-MAUREL

Il giorno dopo, quando è ora di rimettersi in sella, si fa una piccola smorfia: i glutei ricordano i 50 km percorsi il giorno prima... Ma bastano tre pedalate per riscoprire l'immenso piacere di girare in bicicletta. Le mattine d'autunno sul Rodano sono magiche: i boschi emergono dalla nebbia che sale dal fiume. La pista ciclabile è proprio in mezzo alla natura. Si attraversano paesaggi di foreste e paludi, con il Rodano come compagno costante. Grazie alla facilità della bicicletta elettrica, la mente è libera di sognare al 100%, cullata dal suono delle ruote sull'asfalto. Proprio quello che ci vuole per schiarirsi le idee! Da queste parti, le rive del Rodano sono selvagge e, a volte, si attraversa il fiume su una grande diga idraulica: attenzione alle vertigini! Alla curva della strada, i ciclisti si fermano: lì vicino, su un palo, c'è un grande airone cinerino che osserva il fiume.

Fuga urbana a Valence

CRESPEAU
© CRESPEAU

Eccoci a Valence! Qui ci sono dei "bike box" dove lasciare la propria bicicletta e i propri effetti personali, in modo da poter visitare la città a mani libere. Dalla spianata di Champ de Mars, di fronte al chiosco Peynet, si possono ammirare le montagne dell'Ardèche che si ergono sull'altra sponda del Rodano. Se vi voltate verso est, vedrete le creste del Vercors. Potete poi esplorare la città con calma. È molto divertente passeggiare, poiché parte del centro è pedonale. Il sabato, un grande mercato anima la Place des Clercs. Potete sedervi sulla terrazza e assaporare i prodotti locali, un'insalata di ravioles e il formaggio Bleu du Vercors. Valence è sicuramente una città del sud, dove la gente si prende il tempo per vivere appieno la vita. Per una serata all'aperto, date un'occhiata al programma del LUX o della Comédie de Valence, due teatri nazionali. E perché non prenotare una cena alla Maison Pic? Ma attenzione, con tre stelle Michelin, dovrai prenotare con largo anticipo!

Visita Valence

Alla scoperta di Viviers

Lasciamo la Drôme per l'Ardèche, pedalando sulla vertiginosa passerella himalayana di Rochemaure. Poco più avanti, l'arrivo a Viviers è indimenticabile. Stamattina il tempo autunnale era capriccioso e la pioggia non era lontana. Abbiamo pedalato su una pista ciclabile, immersi nella natura, ascoltando gli uccelli. Dopo una curva, si intravede Viviers. Sull'altra sponda del Rodano, dopo una passerella di ferro rosso, scopriamo il villaggio che si affaccia sul fiume. Le sue belle case si stringono intorno alla cattedrale di Saint-Vincent, la più piccola cattedrale funzionante di Francia. Se sei abbastanza coraggioso, potrai raggiungere la cattedrale in bicicletta (attenzione, è un po' in salita!) per scoprire il centro storico di questo villaggio dell'Ardèche. Se ci riesci, dovrai spingere la porta della Maison des Chevaliers, un edificio medievale che coraggiosi abitanti del luogo stanno cercando di restaurare. Dalla città alta si possono ammirare i tetti sublimi della città bassa. A pochi chilometri di distanza in bicicletta, la città di Bourg-Saint-Andéol segna la fine del nostro viaggio: qui non perderti il Palais des Evèques (visitabile su prenotazione), una residenza del XIII secolo superbamente restaurata.

Visita Viviers

Buono a sapersi prima di partire:

  • Per i principianti, è consigliabile una velocità di 17 km/h su una bicicletta elettrica.
  • Assicurati di avere un coprisella per un maggiore comfort.
  • La maggior parte dei percorsi della ViaRhôna è costituita da corsie verdi sicure, separate dalla strada e dedicate esclusivamente alla mobilità dolce, ma alcuni tratti devono condividere la strada con le automobili: i ciclisti principianti dovrebbero controllare attentamente il loro itinerario in anticipo.
  • Lungo tutta la ViaRhôna, le strutture ricettive hanno ottenuto il marchio "accueil vélo". Spesso a prezzi ragionevoli, offrono tutto l'equipaggiamento necessario ai ciclisti e si trovano a meno di 5 km dalla ViaRhôna.
  • Il percorso è costellato di aree di accoglienza dedicate alle biciclette, alcune delle quali includono un "bike box", spesso un posto per gonfiare i pneumatici e più spesso un posto per ricaricare le batterie della bici elettrica.

Per saperne di più: scoprire la ViaRhona

 

Per France.fr